Translate

venerdì 20 marzo 2009

Ristorante Teatro - Carpi -

Venerdi 13 Marzo 2009 mi è stato proposto dagli amici di andare a cena al Ristorante Teatro a Carpi, in Piazza Martiri. L' idea ha suscitato in me parecchie perplessità, dal momento che, avevo smesso la frequentazione data la non felice qualità della cucina. Gli amici hanno però insistito puntando sul fatto che il locale è stato pochi giorni fa "rinnovato", non come gestione ma come arredamento, luci, accessori. Diciamo che aveva bisogno di una rinfrescata. Occasione quindi per valutarne un eventuale miglioramento. Arrivati, veniamo fatti accomodare nella solita saletta interna, nulla ai miei occhi è cambiato, tranne una mano di pittura. L’inizio non e’ sicuramente dei più promettenti visto che sia la carta del menù che quella dei vini “ non sono disponibili “..Il mio sguardo si rivolge verso il frigo di Bacco e ne ricavo una solitudine e desolazione vista poche altre volte. Una volta elencati i piatti rigorosamente a voce, opto per un polipo e patate come antipasto ed una tagliata di tonno come secondo. Buoni, entrambi, senza fronzoli ma preparati bene. Il mio occhio però non fa passare inosservato il fatto che la composizione del contorno all’interno delle pietanze sia uguale per tutti i commensali. Annaffiamo tutto con un Tasca d’Almerita 2007 Chardonnay. La serata vola via, ci vengono portati i mitici pasticcini del Teatro, porzione scarsa, il conto, onesto circa 40 euri a testa. Velocissime considerazioni: Sara’ un problema di costi, crisi, personale, credito, materia prima, ma trovo inconcepibile che con una “location” del genere (estiva soprattutto) non si riesca a trovare una combinazione giusta per fare ripartire un Ristorante del genere. E’ sempre mia personalissima opinione che questa città ha perso quasi tutte le potenzialità culinarie di una volta. Si vive solo di ricordi. Nelle altre città nascono locali nuovi, il mondo, nonostante tutto, cambia e si cerca in ogni modo di stare al passo coi tempi. A Carpi no. Il Motivo? Ditemelo voi. Riflettiamo.
Giorgio Righi aka Harmonica

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Perche' non firmate questa recensione con nome e cognome reale come si fa in tutti i blog solitamente??

Denny Crane ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Denny Crane ha detto...

Fatto.