Translate

venerdì 20 febbraio 2009

Professionisti del cibo

Ma e' davvero cosi' difficile proporre cibo di qualita' ? Io stasera ho avuto la fortuna di andare a casa di un amico a cena, perche' Luca e' un amico. Il suo ristorante-pizzeria per anni ha soddisfatto il mio palato con materie prima di qualita' eccezionale, in primis pesce. Suo padre Roberto, grande professionista del fornello, ha sempre imbandito la tavola della mitica Pizzeria Zia Annie con leccornie di prima qualita'. Adesso hanno una pescheria e Dio solo sa quanto sono andato avanti con Luca, rompendogli i coglioni smisurate volte, per riassaggiare almeno le fantascientifiche cozze..Lui stasera si e' superato. Le cozze erano ben presenti, circa 1 kg e mezzo tutte per me (la foto e' venuta male). Divorate quasi tutte, in un batter d'occhio. Il frutto bel grosso non molto colorato, una polposita' concreta ed un sapore coinvolgente.
Ma la sorpresa era dietro l'angolo. Dopo avermi fatto letteralmente sbavare con questi mitili, cotti dentro ad un leggero sughetto di olio-aglio-prezzemolo e vino bianco, nel quale inevitabilmente una pagnotta di pane toscano abrustolito ci e' finita dentro, mi ha presentato il pezzo forte..Due maestose orate di Orbetello, accompagnate da gamberi di Mazara del Vallo. Tutto cotto al forno per una trentina di minuti. La polpa dell' orata era veramente delicata, accompagnata da un leggero filo di olio extra vergine di oliva, ammorbidiva il mio esigente palato. I gamberi accompagnavano questo piatto in modo semplice ma prorompente....
Ma la chicca era ancora chiusa in forno...sapendo della mia malattia e venerazione verso qualunque crostaceo, il bastardo, mi ha preparato una decina di questi gamberi cotti piu' o meno 5 minuti in forno al sale....Giove Pluvio!!! Mai in vita mia ho mangiato bonta' simili arrivate dal mare..Completamente spolpati, succhiata (passatemi il termine) e divorata anche la testa.
Una dolcezza davvero incredibile, che con i pezzi di sale grosso, creavano un contrasto davvero indimenticabile. Il tutto annaffiato da un ottimo Gewurtraminer 2007 Sanct Valentin della Cantina di S. Michele Appiano. Cosa dire? Grazie Luca, per una sera ho riassaporato gusti nuovi ed antichi. Professionisti come te meritano di poter lavorare su palcoscienici di altra scala. Perche? Molto semplice, sappiamo molto bene tutti e due che dalle nostre parti vince l'etichetta, non certo la qualita', la convenienza e la professionalità. Grazie per la straordinaria serata.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao,
non ho capito bene, il Tuo amico Luca ha una pescheria con cucina o sei andato a casa sua .....
Bisogna approfondire molto bene il discorso,perchè nella prima ipotesi la prossima volta cerca di allargare la compagnia e io mi mi propongo già da subito.
Mi hai letteralmente fatto venire l'acquoilina in bocca !!!
Ultimamente secondo me vai a troppe cene.... e NON credere di smaltire il tutto con quel poco di "Footing" che fai.
A presto, Dommie

Denny Crane ha detto...

Caro Dommmie questa era una cena che Luca mi "doveva" per essere stato suo cliente 3 giorni la settimana per circa 6 anni...Ti assicuro che Gamberi cosi' io non ne avevo mai mangiati in vita mia. Io con il footing non smaltisco, sono preventive le mie corse....Ciao Massimo

Anonimo ha detto...

Una cena di una semplicita' disarmante nel rispetto e nell'esaltazione dell'ottima materia prima. Purtroppo questa tendenza a voler stupire a tutti i costi attraverso l'elaborazione di un cibo si fa sempre piu' monotona. Unico neo della cena se mi e' concesso : il vino. Saluti Edo

Denny Crane ha detto...

Sul vino avremmo potuto spaziare, ma l'organizzazione e soprattutto il frigo della mia enoteca aveva disponibile solo quello. Grazie per il commento Ciao Massimo